Carrie: IL GAY-WEB


Come per tutti a questo mondo, anche i gay hanno una costellazione di siti a loro dedicati: portali, community, porno,…

Ma escludendo le community per gli incontri, il porno e tutto il resto, vorrei fermarmi a riflettere su quelli che dovrebbero essere i punti di riferimento per la comunità omosessuale italiana, grazie ai quali tenersi informati ed avere l’occasione di utilizzarne i più svariati servizi.
Il termine “sito web” ormai ha acquisito una connotazione molto generica, gli stessi portali sono siti web (ma non sempre è il contrario).
Di base si parla di “sito web” quando un determinato spazio di internet affronta un argomento specifico.
Ecco che un fans club, un’azienda, un cantante, una pagina personale e così via sono definiti siti web.
Cosa ben diversa è un portale, in quanto si tratta di un sito che affronta numerosi argomenti e fornisce svariati servizi, talvolta mirati ad una categoria specifica di persone (come ad esempio un portale musicale è dedicato a contenuti e servizi per artisti, fans, appassionati, musicisti, produttori,…).
Di conseguenza da un portale gay ci dovremmo aspettare innanzitutto che sia dedicato a noi e che contenga svariate tipologie di servizi e argomenti trattati. Ci sta benissimo la moda, il pettegolezzo e quant’altro, ma l’informazione generale, anche solo mirata alla nostra community, ci sembra obbligatoria.
Visito uno dei siti che per eccellenza dovrebbe essere un nostro riferimento.
Si carica la pagina, in alto il logo (nulla di strano) ed un bannerone pubblicitario (anche questo nella norma, in un modo o nell’altro hanno pure da campare anche loro! ma teniamo il censimento di tutto e quindi anche questo: pubblicità 1)
Scendiamo al primo livello di contenuti: “Alle feste di Berlusconi partecipavano anche escort uomini”. A parte il fatto che una persona è libera di divertirsi con chi gli pare e piace, che sia un operaio della Fiat o il Premier (e non sono di destra!), l’apertura con un bel pettegolezzo ci sta!
Accanto la notizia della prossima collaborazione fra Sinclar e Carrà. A finire un altro bel bannerone pubblicitario. Il censimento diventa quindi: pubblicità 2 – pettegolezzi 1 – musica 1.
Scendiamo di un altro livello e che ci troviamo? L’annuncio dell’apertura del sito dell’europride a Roma. Ok nulla da ridire su questo. Accanto uno spazio di pensieri personali di uno che immagino sia della redazione. Ancora più in là un bannerino pubblicitario che in confronto ai precedenti sembra soffrire decisamente di anoressia! Censimento: pubblicità 3 – pettegolezzi 2 – news 1 – musica 1.
Procediamo ancora più in basso e stanco di andare per livelli inizio a considerare ogni singola colonna di elementi: “Il volto della gioconda è il viso del fidanzato di Leonardo” (pettegolezzi +1), “I 100 gay più appetibili ancora sul mercato” (pettegolezzi +1), “Evandro Soldati per Blanco” (news +1), “Masturbazione a Glee” (pettegolezzi +1) e finendo con un breve menù dei servizi e altri due banner (servizi + 1 – pubblicità + 2).
Solo con la prima colonna il censimento si aggiorna a: pubblicità 5 – pettegolezzi 5 – news 2 – musica 1- servizi 1.
Spostiamoci a destra nella colonna centrale e… la foto del giorno con Cindy Lauper in versione Freddy Krueger (pettegolezzi +1), la pubblicità della propria chat (servizi +1), i canali tematici (servizi +1 – pettegolezzi + 1 visto che alcune categorie sono delle sottomarche di Novella 3000!), annunci pubblicitari (pubblicità +1) e 2 bannerini pubblicitari (pubblicità +2).
Vediamo un po’ la classifica: pubblicità 8 – pettegolezzi 7 – news 3 – servizi 2 – musica 1.
Passiamo quasi rassegnati all’ultima colonna: banner di una community (pubblicità +1), guida gay (servizi +1), agenda gay (servizi +1), forum (servizi +1) e per terminare (come poteva mai mancare, un bannerone parente di Godzilla (pubblicità +1)
Censimento: pubblicità 10 – pettegolezzi 7 – servizi 5 – new 3 – musica 1.
In finale altri 8 spazi pubblicitari, giusto per dare un po’ di distacco fra pubblicità e pettegolezzi (vincono i primi con ben 18 spazi a loro dedicati!).
Noterete da soli che di informazioni e servizi… siamo alquanto scarsini!
Passiamo al secondo sito e stavolta vi evito il lungo peregrinare per la sua home page e vi passo direttamente il risultato del censimento: news 22 – pettegolezzi 15 – servizi 9 – pubblicità 3 – musica 1.
Direi un panorama completamente diverso, anche se viene sempre rimarcato quanto i gay siano più affini alle vecchie portinaie pettegole che a persone interessate a sapere cosa succeda loro attorno, moda a parte, argomento in cui solitamente siamo paragonabili alla Treccani o alla Zanichelli del griffato.
Fortunatamente non tutti i siti sono così, ma in attesa che qualcosa si muova in questa direzione, risparmiamo i soldi per Eva 3000, Gente e Chi e andiamoci a fare un bel giretto sui “portali” gay, sempre che portali li si voglia definire.
Carrie

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.