Carrie: CARRIE’S BACK

Tutto questo lungo periodo di assenza, durato un mese, ha segnato la mia svolta, una nuova vita.
Andiamo in ordine.
Dopo 11 anni passati all’Hotel Roma ho deciso di licenziarmi.
Ebbene si, in piena crisi occupazionale ho deciso di dire basta, ero arrivato al limite.
Le occasioni non mi mancavano, ma grazie ad un amico ho evitato di dover lasciare Bologna ed ora lavoro in un nuovo posto, sempre hotel e sempre in centro.
Sinceramente mi trovo benissimo, sanno che sono gay (come non capirlo, fin dal primo giorno avevo con me la mia fidata borsa Prada!) e i colleghi sono al 99% donne, posso chiedere di meglio?
Sul piano uomini la situazione è un po’ ingarbugliata. 
“O’ guagliuncello” si è rifatto vivo ammettendo di essersi comportato male.
Mi piace, ma qualcosa si è rotto, non riesco al momento a superare ciò che è stato, mi piacerebbe ma per ora sono chiuso a riccio.
In compenso c’è un uomo conosciuto anni fa grazie ad Armando, che ha sempre avuto un certo fascino su di me è che, improvvisamente alcune settimane fa, mi ha più volte baciato.
Ora devo riuscire a capire quanto l’alcol abbia influito in quel suo modo di fare visto che era decisamente ben oltre il limite della ragione, nonostante asserisse il contrario.
In più c’è stata una brevissima parentesi con Roberto (ancora?), un ragazzo molto giovane la cui conoscenza è terminata quando ha rivelato di vedermi più come un cliente che anche solo un semplice amico.
Ebbene si, di mestiere è un escort, ma era disposto, almeno a parole, a conoscenze che andassero oltre al suo lavoro.
Per quanto concerne il sesso la situazione si riassume in due parole: tabula rasa.
Non che manchino le occasioni, è solo che manca quello stimolo interiore, sono di nuovo in fase di frigidezza, o forse non ho trovato nessuno capace di accendere la scintilla del desiderio.
Passa il tempo e sempre più spesso mi viene da pensare all’ipotesi che sia io quello che s’illude, forse è vero che nel mondo gay l’amore passa per il sesso, ma in questo modo come posso io affrontare tutto ciò e quello che sono?
Una Biancaneve, une Cenerentola,…ecco, una Rapuntzel, ma forse sono stato proprio io a costruire la mia torre e rinchiudermici dentro.
O forse sono solo me, in tutto e per tutto.
Carrie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.