Carrie: PRIMO GIORNO IN SARDEGNA

La sveglia questa mattina è stata implacabile: 5:00 e giù dal letto.
Giusto il tempo d’insegnare al cervello a tenere gli occhi aperti e Camy ed io eravamo già in autostrada in viaggio verso l’aeroporto di Verona.
La nostra meta era l’aeroporto di Olbia prima e Baia Sardinia dopo.
Già l’attesa per l’imbarco è stata allietata da una decina di ragazzi molto carini che, grazie alla complicità di Camy, ho potuto fotografare.
Tutto il viaggio è stato un continuo fare foto e pubblicarle sul mio profilo FB.
Arrivati ad Olbia ci stava aspettando un nostro amico, o per lo meno è tale per me, così ne abbiamo approfittato per fare un giro a Porto Rotondo.
Io non so quali siano le carceri della Sardegna, so solo che l’Asinara è stata chiusa e riqualificata, ma di questo passo finirò col scoprirlo molto presto, imputazione: stupro.
Ora ho capito dove sono finiti tutti i ragazzi carini: sono tutti qui.
Se capitate in zona e se non soffrite di cuore, vi consiglio il bar e champagneria “Smeraldo”.
Fidatevi, resterete incantati dal barista.
Potrebbe rifilarvi dell’acqua gassata anziché champagne che tanto non ve ne accorgereste, ridotti ormai ad una lumaca sbavante appoggiata al bancone.
Arrivati a Baia Sardinia abbiamo fatto una tappa veloce in hotel, avevo un disperato bisogno di una doccia, poi in spiaggia per una nuotata prima che tramontasse il sole.
Primo giorno andato, tutto perfetto, se non fosse per la tempesta di fulmini che si è scatenata stanotte.
Vedrò di recuperare oggi.
Carrie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.